La fontana di Trevi · Descrizione, storia e aneddoti

Guardate e godetivi la Fontana di Trevi. È uno spettacolo da morire, una fontana delle dimensioni di una piscina. Il fruscio dell’acqua che viene trasportata dal millenario acquedotto Vergine al campo marzio. La grande messa in scena dell’oceano. Lasciatevi sorprendere.

La fontana di Trevi

Fontana di Trevi notteSarete sicuramente sorpresi quando arriverete alla Fontana di Trevi. Passeggiate per i piccoli vicoli e all’improvviso questa fontana enorme appare di fronte a voi. Potreste aver sentito il suono dell’acqua poco prima di arrivare.

Questa imponente fontana è la più grande fontana di Roma. In estate i bambini andavano a nuotare nella fontana. Oggi è severamente vietato persino mettere il piede dentro. Ci sono sanzioni elevate.

Dove si trova la fontana di Trevi

La Fontana di Trevi si trova sul Campo Marzio, l’attuale centro di Roma. La posizione è nascosta tra il colle del Quirinale e Via del Tritone, in Piazza di Trevi Piazza di Trevi.

La fermata dell’autobus più vicina è in Via del Tritone 52, 53, 62, 63, 71, 83, 85, 117, 160, 492, la fermata metro più vicina è Barberini, linea A.

La nostra descrizione del centro di Roma vi darà un buon orientamento.

Leggete il nostro articolo Roma centro in breve con i nostri suggerimenti per una passeggiata da Piazza Navona a Piazza di Spagna.

Autobus hop on hop off: fermata della linea gialla: Santi Apostoli nelle vicinanze di Piazza Venezia

Fermata delle altre linee: Piazza Barberini

Fontana di Trevi ammissione

Visitatori alla fontana di Trevi di notteLa visita della Fontana di Trevi è gratuita. Quasi tutti i visitatori di Roma vogliono vedere la fontana e quindi l’accesso deve essere spesso limitato. Ogni giorno ci sono molti visitatori della Fontana di Trevi fino alla tarda notte. Solo nelle prime ore del mattino, tra le 3:00 e le 8:00, troverete pocchi o nessuni altri visitatori.

Il nome della Fontana di Trevi

Fontana di Trevi la seraCi sono molte ipotesi sul nome della Fontana di Trevi. Il nome probabilmente ha un’origine antica.

Un’ipotesi è che tre strade si siano riuniti nella zona, “Tre Vie”.

Un’altra teoria è che il luogo in cui è stata raccolta l’acqua era un tempo chiamato Trebium.

Forse il nome deriva dal fatto che l’acquedotto alimentava tre punti d’acqua in Via del Corso.

Ci piace molto la storia che una vergine di nome Trivia ha mostrato la fonte al generale e architetto Marco Agrippa.

L’acquedotto si chiama Aqua Virgo, l’acqua vergine, ed è in funzione da oltre 2000 anni. Fu costruito nel 19 a.C. per fornire acqua alle terme di Agrippa sul campo marziano. L’acquedotto, lungo circa 20 km, corre quasi per intero sotto terra. Lo puoi vedere nel seminterrato del lussuoso grande magazzino La Rinascente in Via del Tritone.

Descrizione della fontana di Trevi

Fontana di Trevi chiusa a causa del coronavirusLa fontana si trova davanti a Palazzo Poli. I fronti delle finestre a destra e a sinistra della fontana appartengono a Palazzo Poli, in cui oggi si trova l’Istituto centrale di grafica.

La vasca ha una larghezza di 49,15 m. La fontana è coronata dallo stemma della famiglia Corsini. Papa Clemente XII, che commissionò la riprogettazione della fontana, proviene dalla famiglia Corsini. L’altezza della fontana fino allo stemma è di 49,15 m.

Fontana di Trevi StatueIl tema della fontana è l’oceano. Nella parte inferiore è mostrata una costa rocciosa, su cui sono posizionati quattro pilastri. Il dio Oceanus o Nettuno si erge su una conchiglia nella nicchia tra le due colonne centrali della fontana. I cavalli alati tirano il guscio e sono trattenuti da tritoni. Il cavallo sinistro è furioso e il cavallo destro è calmo come può essere l’oceano. La statua sul lato sinistro di Oceanus rappresenta l’abbondanza, la statua sul lato destro la fertilità. Sopra l’abbondanza si trova un rilievo che raffigura Agrippa che approva il progetto dell’acquedotto Vergine. C’è un rilievo sopra la fertilità che raffigura la Vergine Trivia, che mostra ai soldati la fonte dell’acquedotto. Sono anche rappresentate varie piante, come edera, quercia, uva e fichi.

Fontana di Trevi architraveQuattro colonne corinzie incorniciano la fontana. Su di essi, da sinistra a destra, ci sono figure con i seguenti significati:

  • l’abbondanza dei frutti
  • la fertilità dei campi
  • la ricchezza dell’autunno e
  • la ricchezza dei giardini

Tra le due figure centrali c’è scritto: “Nell’anno del Signore 1735, il sesto del suo pontificato, Clemente XII adornava l’acquedotto vergine, che è noto per la sua abbondanza e salute, con un’opera meravigliosa”.

Fontana di Trevi curiosità

L’usanza più famosa alla Fontana di Trevi è quella di lanciare una moneta sopra le spalle nella fontana. State facendo una buona cosa! Le monete vanno al beneficio della Caritas, che sostiene le persone bisognose a Roma. Con il lancio della moneta, desiderate di tornare a Roma. Vedrete che funziona. È magico! Se lanciate diverse monete, vi porterà fortuna.

Un’altra vecchia usanza riguarda gli amanti. Sul lato destro della Fontana di Trevi si trova la Fontana degli innamorati. Bevete l’acqua per stare insieme per sempre.

Storia della Fontana di Trevi

Fontana di Trevi affollataLa sorgente dell’Aqua Virgo è particolarmente pura e povera di calce. Questo è il motivo per il quale l’acquedotto funziona da oltre 2.000 anni. Se ci fosse più calce nell’acqua, non sarebbe stato possibile.

L’acquedotto fu inaugurato il 9 giugno 19 a.C. da Agrippa ed è in funzione da allora. La prima ristrutturazione ebbe luogo sotto l’imperatore Costantino nel IV secolo. I Goti danneggiarono l’acquedotto durante l’assedio del 537, ma rimase in funzione. Un altro rinnovamento ebbe luogo sotto papa Adriano I nell’VIII secolo.

L’acquedotto veniva utilizzato per fornire acqua potabile ai romani e alimentava pozzi al Pincio, a Piazza di Spagna e al Campo Marzio. La prima fontana di Trevi, con tre vasche, è documentata nel 1410, ma potrebbe esserci stato un punto d’acqua qui per molto tempo.

Nel 1453 papa Nicola V fece riparare nuovamente l’acquedotto e fece sostituire le tre vasche con una vasca rettangolare. Dopo un’ulteriore ristrutturazione di Papa Pio IV, l’acquedotto fu nuovamente inaugurato in Piazza di Trevi nell’agosto del 1570 con il nome di Acqua Vergine.

Intorno al 1640 Papa Urbano VIII, un Barberini, diede a Gian Lorenzo Bernini l’ordine di ricostruire la piazza e la fontana. È stata introdotta una tassa sul vino per finanziare il progetto. Bernini fece abbattere alcuni edifici e diede alla piazza la sua forma attuale. Tuttavia, i soldi non furono sufficienti e il progetto morì nel 1644 con la morte di Urbano, e Bernini fu incaricato di estendere l’acquedotto fino a Piazza Navona. Lì c’è il palazzo di famiglia del nuovo papa Innocenzo X, un Pamphili, e la Fontana dei Quattro Fiumi costruita dal Bernini.

Nel 1732 papa Clemente XII commissionò Nicola Salvi. Né Clemente né Salvi hanno visto il completamento della fontana. Clemente morì nel 1740 e Salvi nel 1751. Ma almeno Salvi ebbe due inaugurazioni, una di Clemente XII nel 1735 e una di Benedetto XIV nel 1744. I lavori furono interrotti più volte, soprattutto perché la fontana diventò sempre più costosa. La fontana fu infine completata da Pietro Bracci nel 1762. Papa Clemente XIII la inaugurò per la terza volta il 22 maggio 1762.

L’ultimo importante restauro è stato effettuato dalla casa di moda Fendi in 17 mesi e l’inaugurazione ha avuto luogo il 3 novembre 2015. Nel luglio 2016, Fendi ha celebrato i 90 anni con una grande sfilata di moda nella Fontana di Trevi.

Anita Ekberg e Marcello Mastroianni nella Fontana di Trevi

Una delle scene più famose della storia del cinema alla Fontana di Trevi è il modo in cui Anita Ekberg attira Marcello Mastroianni nella fontana. Guardate come Anita arrampica facilmente nella fontana e sguazza nell’acqua.

Le riprese furono fatte alla fine di marzo del 1959 e l’acqua era gelida.

Si dice che ad Anita non dispiacesse e che potesse rimanere nella fontana per diverse ore. Marcello, d’altra parte, ha dovuto indossare la tuta da sub sotto l’abito e bere una bottiglia di vodka prima di avventurarsi in acqua. Era completamente ubriaco durante le riprese. Anche se, osservando bene, anche Anita potrebbe aver sollevato qualche bicchiere. Na sdorowje!

Le nostre informazioni vi sono utili? Aiutateci a poter continuare a fornirvi informazioni pratiche e aggiornate in questo momento difficile e offriteci un piccolo sostegno!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.