Basilica di San Pietro · Storia e descrizione di San Pietro

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

La Basilica di San Pietro fu costruita sulla tomba dell’Apostolo Pietro. La prima basilica, costruita dall’imperatore Costantino e inaugurata nell’anno 333, durò circa 1.200 anni. La nuova Basilica di San Pietro fu inaugurata nel 1626 da Papa Urbano VIII.

Leggete sulle origini della Basilica di San Pietro, perché non ha un campanile e altri fatti poco conosciuti sulla sua costruzione e su Piazza San Pietro.

Fatti e cifre sulla Basilica di San Pietro

La Basilica di San Pietro è la chiesa più grande al mondo. Le lunghezze di numerose altre chiese, misurate dall’abside, sono inserite nel pavimento della navata.

Superfice della Basilica di San Pietro: la superfice della basilica è di 23.000 m². L’area calpestabile è di 15.160 m², che è più di due campi da calcio.

: l’altezza della cupola è di 133,3 m. La navata principale e la facciata hanno ciascuna un’altezza di circa 45 m. La cupola più alta con 158 m ha la basilica di Notre-Dame-de-la-Paix di Yamoussoukro sulla Costa d’Avorio.

Lunghezza e larghezza della Basilica di San Pietro: la Basilica di San Pietro è la chiesa più lunga del mondo con una lunghezza esterna di 218 me una lunghezza interna di 186,36 m. La larghezza della navata è di 58 me la larghezza sul transetto è di 138 m. La larghezza della navata principale è di 26 m.

La facciata della Basilica è larga 114,69 m e alta circa 45,44 m.

Il portico è largo 71 m, profondo 14 m e alto 19 m. Ci sono 5 ingressi alla chiesa dal portico.

Il baldacchino sopra la tomba di Pietro è alto 28 m.

Dimensioni della cupola: la cupola ha un diametro interno di 41,5 m alla base. È leggermente più piccolo di quello della cupola del Pantheon a 43,44 m. Il diametro esterno è di 58.9 m. La cupola ha un’altezza di 133,3 m e un’altezza interna di 117 m. Il peso della cupola è stimato in 14.000 t (Pantheon 5.000 t).

La prima basilica di San Pietro · La basilica dell'imperatore Costantino

Dopo che l’imperatore Costantino concesse ai cristiani la libertà di religione, Costantino iniziò, sotto papa Silvestro I, costruzioni in Palestina e a Roma. La più antica basilica è San Giovanni in Laterano, ma presto iniziò la costruzione della basilica sulla tomba dell’apostolo Pietro.

Per erigere la basilica con dimensioni di 119 × 63 m e un’altezza di 37 m, la necropoli sulla collina vaticana fu livellata e riempita.

Molte chiese paleocristiane e medievali si affacciano ad est verso l’Oriente. La Basilica di San Pietro, invece, è rivolta a ovest, con l’ingresso sul lato est. Sembra esserci una semplice ragione: il cimitero sul colle Vaticano, sul quale fu costruita la basilica, era fuori Roma. Roma si trovava dall’altra parte del Tevere a est. L’ingresso alla basilica si affaccia quindi sulla città.

La basilica aveva spazio per 3-4.000 persone. Consisteva in un edificio a cinque navate con un atrio con un colonnato a quattro lati, il “Giardino del Paradiso”. Nella Basilica di San Paolo fuori le Mura potete vedere come era fatta la prima Basilica di San Pietro.

I papi furono incoronati nella basilica e Carlo Magno fu incoronato imperatore qui nell’800. Con la sua incoronazione, il Sacro Romano Impero nacque, che si dissolse nel 1806.

Nell’846 i Saraceni saccheggiarono la basilica e Papa Leone IV costruì poi muri di protezione, le Mura Leonine. Una delle pareti è ancora visibile oggi. Il Passetto corre da essa a Castel Sant’Angelo.

Basilica di San Pietro pianta di Bernardo Rosellino in 1450La vecchia basilica è durata all’incirca 1.200 anni. Dopo un periodo di abbandono, un incendio devastante scoppiò nel 15° secolo. L’incendio di Notre Dame di Parigi il 15 aprile 2019 ciha dato un esempio, quali danni avrà causato l’incendio alla costruzione così vecchia. Hanno iniziato a pensare al consolidamento di San Pietro.

L’ordine è andato a Bernardo Rosselino. Doveva coprire la navata con una volta a croce e costruire un coro. I lavori iniziarono sotto papa Nicola V nel 1450 e furono interrotti quando morì nel 1455.

La nuova Basilica di San Pietro

Storia della costruzione

Papa Giulio II decise di costruire una nuova basilica nel 1505. Donato Bramante si aggiudicò il contratto con la sua idea di un edificio centrale a forma di croce greca. I lavori iniziarono nel 1506.

Basilica di San Pietro progetto di Bramantea vecchia basilica fu gradualmente demolita e sostituita dalla nuova costruzione. La nuova basilica fu costruita un piano sopra la vecchia basilica e le grotte della Basilica di San Pietro si trovano ora sul pavimento della vecchia basilica.

Giulio morì nel 1513, Bramante nel 1514.

Basilica di San Pietro progetto di RaffaelloCome successore del Bramante, Raffaello Sanzio fu nominato insieme ad altri architetti. Raffaello tornò con il suo piano al layout di una basilica a tre navate.

p>

Dopo la morte di Raffaello, Antonio da Sangallo il Giovane seguì nel 1520 insieme a Balthasar Peruzzi. Il piano di Antonio mostra le torri della chiesa che dovevano essere costruite a destra e a sinistra sul portico. Tuttavia, il lavoro fu nuovamente interrotto nel 1527 a causa del saccheggio di Roma da parte delle truppe di Carlo V, il “Sacco di Roma”. Basilica di San Pietro progetto di Antonio SangalloNel 1538 si proseguì sotto papa Paolo III. Ma Antonio sapeva che non avrebbe visto la fine dei lavori e così ha costruito un modello in legno del suo progetto. Il modello si trova sotto il tetto della Basilica di San Pietro e purtroppo non può essere visto oggi.

Basilica di San Pietro progetto di MichelangeloDopo la morte di Antonio di Sangallo nel 1546, seguì Michelangelo Buonarotti, che all’epoca aveva già 70 anni. Michelangelo tornò all’idea dell’edificio centrale. Nei suoi piani si può vedere i pilastri rinforzati per la cupola che ha progettato.

Michelangelo morì nel 1564 e la cupola fu completata nel 1590 da Giacomo della Porta.

Tabernacolo a Santo Stefano RotondoSi può vedere il modello dell’edificio centrale secondo Michelangelo nella chiesa di Santo Stefano Rotondo sul colle del Celio.

Nel 1603, papa Clemente VIII commissionò all’architetto Carlo Maderno il completamento della basilica. L’edificio lungo a tre navate fu aggiunto all’edificio centrale di Michelangelo.

Basilica di San Pietro progetto di Maderno
Ciò corrispondeva alla pianta della vecchia basilica e alla forma della croce latina. Maderno costruì anche il portico e la facciata. La nuova basilica fu consacrata da Papa Urbano VIII il 18 novembre 1626.

Campanili e campane

Basilica di San Pietro dipinta di Viviano CodazziTuttavia, la costruzione fu interrotta nel 1622. L’estensione per i campanili allargò la facciata.

Bernini iniziò a continuare a costruire i campanili. Tuttavia, c’erano seri problemi con le fondamenta e i campanili dovevano essere demoliti di nuovo.

Il campanile è quindi sotto l’orologio sul lato sinistro della facciata. Ci sono 6 campane. La più antica è la Campana della Rota del 1280 con un peso di 1.735 kg.

Il secondo più antico è il Campanoncino del 1725 con un peso di 3.640 kg. La grande campana, il Campanone, risale al 1785 e pesa 8.950 kg. Le altre campane sono la predica e le campanelle a destra e a sinistra, chiamate “Ave Maria” e “Campanella”.

Portico e portali

Si entra nel vestibolo attraverso una delle tre alte porte reticolari. Dal cancello destro si arriva all’ingresso della cupola. Attraversa il cancello centrale nella Basilica di San Pietro.

San Pietro Statua di Carlo MagnoSul lato destro della hall c’è un ingresso al Palazzo Apostolico. Dietro l’ingresso si trova una statua equestre dell’imperatore Costantino e l’imponente Scala Regia.

Sul lato sinistro del portico c’è una statua equestre di Carlo Magno, che fu incoronato imperatore nella Basilica di San Pietro a Natale dell’800.

Cinque portali conducono dal portico alla Basilica di San Pietro. I portali sono da destra a sinistra:

Basilica di San Pietro la porta santaLa Porta Santa: La porta di bronzo è stata realizzata nel 1950. È aperta solo negli anni giubilari. I pellegrini attraversano la porta santa per ricevere l’indulgenza.

La Porta dei Sacramenti: la porta dei sacramenti fu inaugurata il 12 settembre 1965 da Papa Paolo VI. Attraverso di loro vai alla Basilica di San Pietro in anni normali. Mostra i sette sacramenti e l’annuncio dei sacramenti all’umanità.

La porta del bene e del male: la porta del bene e del male, creata tra il 1970 e il 1977, mostra cattive azioni a sinistra e buone azioni a destra. Lasciate la Basilica di San Pietro attraverso questa porta.

La Porta della morte: La Porta della morte è stata creata nel 1964. Questa è la porta attraverso la quale la processione funebre dei Papi lascia la Basilica di San Pietro. Sopra mostra deposizione di Cristo dalla Croce e l’Assunzione di Maria al Cielo. Al centro puoi vederei sono spighe di grano e uva come simboli dell’Eucaristia, pane e vino. Sotto ci sono mostrate scene della morte come l’uccisione di Abele e il martirio di San Pietro.

L'interno

C’è così tanto da vedere nella Basilica di San Pietro che vale davvero la pena una visita guidata.

Basilica di San Pietro navata principaleNon appena si entra nella Basilica di San Pietro, ci si accorge immediatamente quanto sia grande l’edificio. L’altare sopra la tomba di Pietro è lontano. Sono 90 metri fino ai primi pilastri che sostengono la cupola. Questa è quasi la metà della lunghezza totale della basilica di 186,36 m. La navata principale è larga 26 m, alta 45 m e ha una superficie di circa 4.500 m².

Basilica di San Pietro acquasantiera con putti L’interno della basilica è dimensionato di conseguenza. I piccoli cherubini che tengono l’acquasantiera sono alti quasi 2 m. Le figure dei fondatori degli ordini nelle nicchie sono alte 4,5 m nella fila inferiore e 5,5 m nella fila superiore.

Ci sono tre cappelle in ciascuna delle navate. La cappella con la Pietà di Michelangelo è appena a destra dell’ingresso. Accanto ad essa è la cappella di San Sebastiano e la cappella del sacramento, alla quale si può accedere solo per la preghiera. È vietato fare foto nella cappella del sacramento.

Nella navata sinistra è il battistero con l’enorme battezzatoio.

Accanto ad essa si trova la cappella che commemora la consegna di Maria a tre anni ai sacerdoti del Tempio di Gerusalemme. La terza cappella è la cappella del coro.

Le cappelle sono seguite dall’ambulacro attorno ai quattro pilastri che sostengono la cupola di San Pietro. Circonda il centro della basilica, come immaginava Michelangelo. Ci sono numerosi monumenti e altari qui.

Nella navata sinistra, a destra della cappella del coro, si trova l’ingresso alla sagrestia e al tesoro della Basilica di San Pietro. Questi edifici sono fuori dalla basilica. Se volete far leggere una messa nella Basilica di San Pietro, potete ordinarla in sagrestia.

San Pietro Cathedra PetriLa navata principale termina a ovest con un’abside e la bella finestra che rappresenta lo Spirito Santo. Sotto è il monumentale trono di Pietro in bronzo dorato, la Cathedra Petri. Secondo la leggenda, sarebbe la sedia del vescovo Pietro. In realtà, le parti più antiche della sedia risalgono al VI secolo.

Le braccia del transetto finoscono a ciascuna estremità in un’abside e vi sono diversi altari in esse.

La statua di San Pietro

Basilica di San Pietro Statua in bronzo di PietroDavanti al primo pilastro destro, che sostiene la cupola, vi è una statua in bronzo dell’apostolo Pietro. Molti credenti toccano il suo piede per mostrargli la loro venerazione e condividere il suo potere.

L'altare del Papa

L’altare papale si trova sopra il luogo in cui si dice che l’apostolo Pietro fosse sepolto.

Il baldacchino in bronzo dorato creato da Bernini, il ciborio, si erge sopra l’altare. È alto quasi 30 metri. Il bronzo fu strappato dai pannelli del Pantheon.

La tomba di San Pietro

Immaginatevi come potrebbe essere stata Roma nel I secolo.

La collina vaticana era lontana dalla città ed era un cimitero. L’imperatore Adriano in seguito fece costruire il suo mausoleo sul Tevere, oggi Castel Sant’Angelo. L’imperatore Nerone aveva il suo circo sulla sinistra. Si dice che l’apostolo Pietro fosse stato giustiziato nell’ippodromo dopo il grande incendio di Roma e che sarebbe stato quindi sepolto sulla collina vaticana.

Più tardi fu costruita una cappella sulla tomba e l’imperatore Costantino fece costruire la basilica nel IV secolo. La collina fu livellata e le tombe furono livellate. Pertanto, fino ad oggi non è stato possibile identificare con certezza la tomba dell’apostolo Pietro.

Le grotte

Le grotte vaticane furono create costruendo la nuova Basilica di San Pietro un piano sopra la vecchia basilica. Le grotte sono quindi un’enorme cripta, una chiesa sotterranea a tre navate.

Molte messe sono celebrate nelle grotte e vengono quindi chiuse al pubblico.

Un accesso alle grotte è di fronte all’altare papale. È la cosiddetta confessio con accesso alle reliquie sotto l’altare. La confessione è illuminata da 99 candelabri.

I visitatori possono scendere alle grotte da una delle quattro scale ai quattro pilastri che sostengono la cupola.

Molti papi sono sepolti nelle grotte. È vietato fotografare nelle grotte.

La necropoli

La necropoli è sotto lo strato che l’imperatore Costantino aveva livellato. I primi scavi avvennero nel 1939 e fu scoperto per primo il pavimento originale della vecchia basilica. Continuando a scavare, furono trovati siti tombali estesi e ben conservati.

Si trovano ad una profondità da 5 a 12 metri sotto la Basilica di San Pietro e possono essere visitati solo con una guida. I tour sono di solito al completo con alcune settimane di anticipo ed è consigliabile prenotare con largo anticipo.

L’età minima per visitare la necropoli è di 15 anni.

Le nostre informazioni vi sono utili? Aiutateci a poter continuare a fornirvi informazioni pratiche e aggiornate in questo momento difficile e offriteci un piccolo sostegno!

blank

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.