Piazza San Pietro · storia e segreti

Piazza San Pietro è la prima cosa che i visitatori vedono andando verso la Basilica di San Pietro. La piazza, costruita da Gian Carlo Bernini fino al 1667, è un capolavoro architettonico e una delle più grandi scenografie della Roma barocca. Leggete cosa c’è da vedere a Piazza San Pietro e scoprite di più sulla sua storia.

Consigliamo il servizio visitatori ufficiale Vox Mundi per i tour della Basilica di San Pietro e della necropoli.

Fatti e cifre su Piazza San Pietro

Piazza San Pietro foto satellitarePiazza San Pietro è composta da due parti: la sezione trapezoidale di fronte alla facciata della Basilica di San Pietro e la sezione ellittica incorniciata dai colonnati del Bernini.

Area: la sezione bassa trapezoidale, che viene chiamata Piazza Retta, ha una superficie di 12.300 m². La parte ellittica ha una larghezza massima di 240 m e una profondità di 340 m con una superficie di 35.300 m².

Capacità: la parte ellittica della piazza può ospitare circa 60.000 visitatori. Si dice che furono già ospitati 300.000 visitatori. In questo caso, la piazza antistante, Pio XII e la Via di Conciliazione fino a Castel Sant’Angelo sono piene di visitatori. A causa delle nuove norme sulla distanza, si può presumere che solo un quarto del numero precedente di visitatori sarà ammesso a Piazza San Pietro.

L’obelisco: l’obelisco ha circa 4000 anni e proviene da Eliopoli in Egitto. Caligola lo fece portare a Roma e  fu messo in pista, dove si dice che l’apostolo Pietro fosse stato crocifisso. Papa Sisto V fece installare l’obelisco di fronte alla nuova Basilica di San Pietro che fu in costruzione nel 1586. L’obelisco è alto 25,31 m e pesa 330 t. La base è alta 8,25 m e pesa 175 t. L’altezza totale con base e croce è di 40 m.

Piazza San Pietro statue stemma Alessandro VII colonnati del Bernini: i colonnati del Bernini sono costituiti da tre corsie tra quattro file di colonne, che racchiudono ellitticamente Piazza San Pietro. Sono costituiti da 284 colonne e 88 pilastri. Il travertino proviene da Tivoli. 98 santi con una dimensione di 3,10 m sono in trono sui colonnati insieme a sei grandi stemmi di papa Alessandro VII, civilmente Fabio Chigi di Siena. Altri 42 santi sono in trono sopra i pannelli laterali di Piazza Retta.

Le fontane: è dal V secolo che di fronte alla Basilica di San Pietro si trova una fontana. Nel 1490 c’era una fontana a destra della Basilica di San Pietro, che fu ristrutturata da Carlo Maderno nel 1614. Come parte della costruzione di Piazza San Pietro, Bernini spostò la fontana di alcuni metri a nord-est per regolare la posizione della geometria della nuova piazza. Costruì anche una seconda cosiddetta fontana gemella sul lato sud della piazza, a sinistra della Basilica di San Pietro. Entrambe le fontane attingono l’acqua dal lago di Bracciano attraverso l’acquedotto Aqua Paola. Sotto papa Paolo VI, fu installato un impianto di riciclaggio dell’acqua.

La facciata della Basilica di San Pietro: la facciata della Basilica di San Pietro fu completata da Carlo Maderno nel 1613. Con la sua larghezza di 118,6 m e la sua altezza – senza statue – di 48 m, era molto più largo di quanto fosse alto e aveva delle proporzioni molto insolite. Non poteva essere più alto per evitare che la cupola di Michelangelo venisse coperta. Anche i tentativi di erigere torri a destra e a sinistra dovevano essere abbandonati perché il terreno era troppo morbido.

L'obelisco

Piazza San Pietro obelisco e colonnatoL’obelisco è il secondo più alto di Roma dopo l’obelisco di fronte a San Giovanni in Laterano ed è l’unico senza geroglifici. Per portare l’obelisco dall’Egitto a Roma, una nave fu riempita di lenti e l’obelisco vi fu trasportato. Caligola fece erigere l’obelisco nel suo circo privato, che in seguito divenne il circo di Nerone. Anche se il circo cadde in rovina e fu usato come necropoli, l’obelisco rimase. Poiché si diceva che Pietro fosse stato giustiziato nel circo di Nerone e fosse stato sepolto accanto al circo, e poiché la chiesa di San Pietro fu costruita sulla tomba di Pietro, l’obelisco si trovava di fronte alla sagrestia di fronte a Campo Santo Teutonico.

Papa Sisto V voleva che l’obelisco fosse eretto di fronte alla Basilica di San Pietro e l’ordine andò all’architetto Carlo Fontana. Ci sono voluti sette mesi per la preparazione, compresa la demolizione degli edifici. L’obelisco doveva essere capovolto per primo. I lavori iniziarono il 30 aprile 1586 con 907 uomini, 75 cavalli e 40 argani. L’obelisco fu eretto di nuovo il 10 settembre.

Piazza San Pietro obelisco stemma leoni aquilaL’obelisco fu “cristianizzato” con iscrizioni, con una croce e con i simboli dello stemma di papa Sisto V: leone, tre montagne e una stella. L’aquila coronata dallo stemma di papa Innocenzo XIII fu aggiunta in seguito. 

Visto che che Bernini non poteva più spostare l’obelisco, l’obelisco si trova nel punto più basso di Piazza San Pietro. Bernini fa rialzare la piazza in direzione di Piazza Papa Pio XII in modo che la cupola rimanga visibile sulla facciata della Basilica di San Pietro.

Rosa dei venti e meridiana

Nel 1821, una rosa dei venti fu incastonata nel pavimento attorno all’obelisco. I pannelli mostrano i nomi e le caratteristiche dell’argano. Inoltre, nel pavimento sono stati incorporati dei pannelli con i segni zodiacali. L’ombra dell’obelisco a mezzogiorno – durante l’estate a causa dell’ora legale alle 13:00 – mostra l’attuale segno zodiacale.

Piazza San Pietro Obelisco meridiano segni zodiacali

I colonnati del Bernini

Piazza San Pietro centro del colonnatoBernini ha realizzato un capolavoro speciale con i colonnati. Ha allineato tutte le colonne verso un centro. C’è un segno sul pavimento per il centro dei colonnati. Se vi trovate sulla marcatura, vedrete le colonne allineate in modo che le tre colonne posteriori scompaiono dietro la prima colonna. Il diametro delle colonne aumenta verso l’esterno per preservare le proporzioni. Bernini dovette anche considerare la pendenza del sito durante la costruzione dei colonnati.

La facciata della Basilica di San Pietro

La facciata della Basilica di San Pietro fu costruita da Carlo Maderno. Fu anche responsabile per la costruzione della lunga navata e del portico, che erano collegati all’edificio centrale progettato da Michelangelo. Per non coprire la cupola di Michelangelo, la facciata doveva rimanere il più bassa possibile. Dopo che la facciata fu completata intorno al 1612, fu deciso di erigere due torri sulla destra e sulla sinistra. Tuttavia, le torri non potevano essere completate a causa del cedimento e gli edifici terminarono all’altezza della facciata.

Le colonne della facciata sono disposte in un ordine colossale, il che significa che le colonne si estendono su più piani. Ci sono cinque passaggi per il portico con griglie in bronzo al piano inferiore e cinque balconi al piano superiore. Il balcone centrale è la loggia di benedizioni dalla quale il Papa impartisce la benedizione Urbi et Orbi. Anche il neoeletto Papa viene annunciato sul balcone.

Statue facciata San Pietro VaticanoGesù, Giovanni Battista e i 11 apostoli sono in trono sopra la facciata. Manca Pietro perché la basilica gli è dedicata. La sua statua si trova anche a sinistra nel piazzale. Le figure sono alte circa 5,7 m.

Gli orologi sulla facciata della Basilica di San Pietro

Piazza San Pietro orologio sinistro "oltremontano"L’architetto e orafo Giuseppe Valadier costruì due orologi sulle torri incompiute a destra e a sinistra della facciata. I quadranti hanno un diametro di 4 m. L’orologio di sinistra, chiamato “Oltremontano”, mostra l’ora corrente.

Piazza San Pietro orologio destro "italico"L’ orologio sulla destra è una curiosità. Si chiama “Italico” e dovrebbe mostrare l’ora italica. L’orologio italico mostra l’ora da mezz’ora dopo il tramonto, quindi mostra XII mezz’ora dopo il tramonto e la volta successiva dodici ore e mezza dopo il tramonto. Il vantaggio di questo metodo è che si può vedere quanto tempo manca al tramonto del sole. 

Ora, se leggete l’orologio destro ed iniziate a contare con il tramonto, noterete che l’orologio non mostra l’ora corretta. Abbiamo chiesto al Vaticano e abbiamo ottenuto la risposta che l’orologio mostra l’ora sbagliata in modo che il diavolo non arrivi in tempo alla messa.

La Piazza Retta

Piazza San Pietro Piazza retta e facciataLa Piazza Retta è la parte di Piazza San Pietro che si erge in una forma trapezoidale rispetto alla Chiesa di San Pietro. La forma trapezoidale in aumento crea un’illusione ottica che rende la facciata più vicina e più grande. I visitatori salgono sulla basilica a destra e scendono dalla basilica a sinistra della Piazza Retta. Nel mezzo si trova il piazzale rialzato della chiesa, dove si svolgono principalmente messe papali e udienze generali. Una salita a forma di ventaglio su 16 livelli di granito e travertino su 3 livelli conduce al cortile esterno, che potrebbe essere utilizzato anche da cavalieri e carrozze. Tuttavia, per motivi logistici, questo aumento generalmente non viene più utilizzato oggi.

Storia di Piazza San Pietro

Quando l’imperatore Costantino fece costruire la prima Basilica di San Pietro, livellò la collina vaticana e lì si trovò la città dei morti. La costruzione iniziò probabilmente tra gli anni 319 e 326. La Basilica di Costantino si trova sotto a quella che oggi è la Basilica di San Pietro, che si trova 3,2 m sopra la vecchia basilica. La vecchia basilica era molto più corta e di fronte c’era un quadriportico, cioè un colonnato a quattro lati con un cortile interno. Nella Basilica di San Paolo fuori le mura potete vedere molto bene come sarebbe potuta essere la vecchia Basilica di San Pietro.

Di fronte alla basilica c’era solo l’area vuota che Costantino aveva livellato. Nel V secolo fu costruita una fontana, ma gli altri edifici non furono conservati per molto e nel Medioevo il quartiere Borgo si avvicinò sempre più alla basilica.

Papa Pio II fece costruire delle scale di marmo e una loggia di benedizioni nel 15 ° secolo. L’esistenza dell’antica fontana a destra della basilica è anche documentata per il 15 ° secolo. Per l’anniversario nel 1500, papa Alessandro VI costruì la Via Alessandrina, che conduceva dal Ponte degli Angeli al Palazzo Apostolico, e fu costruita la Spina di Borgo, che bloccò la vista della Basilica di San Pietro dal Tevere.

All’epoca, l’area tra la basilica e il borgo era un campo libero, quasi rettangolare, con una pendenza di circa 10 metri.

La costruzione della nuova Basilica di San Pietro iniziò nel 1505 e fu inaugurata nel 1626 dopo una storia a scacchi. Storia della Basilica di San Pietro

Dopo il completamento della basilica, il problema dell’area di fronte alla basilica è stato risolto. Un primo progetto del Bernini nel 1656 prevedeva una piazza trapezoidale con portici e negozi perché la fabbrica della Basilica di San Pietro voleva affittare o vendere appartamenti e negozi con vista sulla preziosa piazza.

Solo dopo l’intervento di papa Alessandro VII Bernini riuscì a realizzare un nuovo progetto con un colonnato indipendente nel 1657.

Il progetto di Gian Lorenzo Bernini

Piazza San Pietro Via AlessandrinaDurante la pianificazione di Piazza San Pietro, Bernini ha dovuto affrontare vari problemi. Uno era che il Borgo era allineato con Via Alessandrina e il Palazzo Apostolico, mentre la nuova Basilica di San Pietro con l’obelisco di fronte formava un nuovo asse. Inoltre, la facciata era troppo ampia rispetto all’altezza e il tentativo di erigere torri fallì. Un altro problema era che la nuova Basilica di San Pietro fu costruita 3,2 metri sopra alla vecchia basilica, aggiungendo altri 3 metri all’attuale pendenza di 10 metri. Pure l’altezza dell’obelisco non poteva essere cambiata. Un quarto problema era il costo che la fabbrica della Basilica di San Pietro voleva finanziare vendendo negozi e appartamenti intorno alla piazza.

Ha quindi presentato un primo progetto, dal quale è emerso che i problemi della geometria non potevano essere risolti con una piccola soluzione angolare nel campo libero disponibile. Il progetto fu quindi rapidamente scartato, probabilmente anche perché  sembrava troppo poco monumentale.

Il progetto definitivo del Bernini fu più ampio e una parte del Borgo dovette essere demolita per costruire Piazza San Pietro. Bernini propose la forma ovale di un’ellisse e spiegò che “la chiesa di San Pietro, come chiesa madre di tutte le altre, deve avere un portico che dimostra chiaramente l’accoglienza materna a braccia aperte, i cattolici per confermarlo con fede, gli eretici unirli nella Chiesa e i non credenti per illuminarli alla vera fede “.Forse Bernini fu anche ispirato dagli insegnamenti di Keplero, secondo il quale tutti i pianeti ruotano attorno al sole. Certo, non gli fu permesso di dirlo pubblicamente perché altrimenti avrebbe dovuto aver a che fare con l’Inquisizione. Ma il fatto che l’obelisco di Eliopoli si trovi al centro della piazza e le due fontane sembrano orbitarvi attorno come pianeti suggerisce un riferimento alla visione eliocentrica di Keplero sul mondo.

La Spina di Borgo 1936
Credits: https://www.romaierioggi.it/spina-di-borgo-1936/

Il progetto prevedeva un terzo colonnato che doveva completare la piazza nella parte anteriore. I pellegrini dovevano essere sorpresi non appena fossero entrati nella piazza attraverso i colonnati. Tuttavia, ciò non è accaduto dopo la morte di Papa Alessandro VII. Nonostante ciò, i pellegrini furono sorpresi perché la vista della Basilica di San Pietro era bloccata dalla Spina di Borgo.

Le nostre informazioni vi sono utili? Aiutateci a poter continuare a fornirvi informazioni pratiche e aggiornate in questo momento difficile e offriteci un piccolo sostegno!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.