Basiliche papali e catacombe in una mezza giornata

Le Basiliche Papali e le catacombe di San Sebastiano fanno parte del Pellegrinaggio delle Sette Chiese. Ci vuole circa mezza giornata per questo tour poco conosciuto. Ecco come visitare tre delle quattro basiliche papali di Roma in un pomeriggio e fare una gita alle catacombe dell’Appia Antica.

San Paolo · Come arrivare alle catacombe · San Giovanni · Santa Maria Maggiore

San Paolo, San Giovanni e Santa Maria Maggiore chiudono alle 18:30, le catacombe chiudono alle 17. Questi orari definiscono il tempo disponibile per il vostro tour.

In linea di massima, si potrebbe configurare il tour così: si inizia alle 13 con la visita alla Basilica di San Paolo fuori le mura. Alle 13:30, ci si avvia per le catacombe con arrivo verso le 14:30. Dopo un’ora di visita, vi recate alla fermata dell’autobus della linea 218 in Via Ardeatina e andate alla Basilica di San Giovanni. Per la visita della Basilica, della Scala Santa e del Battistero avrete un’ora e poi alle 17:30 prendete l’autobus 714 in direzione Termini fino alla Basilica di Santa Maria Maggiore. Se vorrete prendervi più tempo, rimandate la visita alle catacombe o alla Basilica di Santa Maria Maggiore a un altro giorno.


Il percorso corrisponde al pellegrinaggio delle sette chiese. Per la parte tra la Basilica di San Paolo e le catacombe, andare a piedi per la via delle Sette Chiese è molto bello. Ci sono circa 4 chilometri – mentre per resto si deve prendere i mezzi pubblici.

Le quattro basiliche papali maggiori di Roma sono San Pietro, San Paolo, San Giovanni e Santa Maria Maggiore. La Basilica di San Pietro non fa parte di questo tour. Per la visita della Basilica di San Pietro, leggete la Visita al Vaticano.

Come arrivare a San Paolo fuori le Mura

Purtroppo non ci sono open bus hop on hop off per la Basilica di San Paolo, ma la Basilica e raggiungibile bene con i mezzi pubblici. C’è la fermata San Paolo della metro B e ci sono connessioni con gli autobus dell’ATAC.

Venendo dal Vaticano prendete semplicemente il bus 23 o dalla fermata Piazza Risorgimento – tra San Pietro e la stazione della metro Ottaviano – o al Lungotevere sulla destra della Via della Conciliazione presso l’ospedale Santo Spirito.

Dal Colosseo o dal Testaccio, prendete la metropolitana linea B.

La Basilica San Paolo

Basilica di San Paolo navata centrale
Basilica di San Paolo navata centrale

Come in molti luoghi furoi le mura della città c’è un antico cimitero e l’apostolo Paolo si dice che sia sepolto qui. La tomba divenne immediatamente oggetto di culto e nel 3° secolo fu costruita la prima basilica.

L’attuale basilica è relativamente giovane. Risale al 1825, dopo un incendio nel 1823 che distrusse quasi tutto. Architettonicamente, si unisce al design delle prime basiliche. Qui vi potete immaginare come fosse la prima Basilica costruita dall’Imperatore Costantino.

Oggi, San Paolo fuori le mura è la seconda basilica più grande dopo la Basilica di San Pietro. Dato che ci sono solitamente pochi visitatori, la visita è molto piacevole. C’è il solito controllo di sicurezza come a San Pietro, ma non ci sono quasi mai tempi di attesa.

Nella basilica si vede i ritratti di tutti i Papi. In fondo alla basilica sulla destra c’è un piccolo chiostro, per il quale bisogna pagare l’ingresso. Accanto alla basilica c’è una filiale dell’Ospedale Bambin Gesù. Durante la costruzione dell’ospedale furono eseguiti degli scavi e sono stati trovati reperti, che possono essere datati al Medioevo. Per la visita degli scavi bisogna pagare l’ingresso.

C’è anche una caffetteria e un negozio di souvenir. Si possono comprare i francobolli della Posta Vaticana e inviare lettere e cartoline alla cassetta delle lettere.

Il pellegrinaggio delle sette chiese

Alla basilica inizia la “Via delle sette chiese”, un pezzo del tradizionale Pellegrinaggio delle Sette Chiese. Ci sono circa 4 chilometri a piedi alle catacombe di Via Appia Antica. Se non si vuole camminare si può andare con la metropolitana fino al Circo Massimo e da lì con l’autobus 118 fino alle catacombe. La domenica, purtroppo, ci sono pochi bus sulla linea 118. Se volete saltare le catacombe ed andare direttamente a San Giovanni, prendete l’autobus 792, che ha la fermata sul retro della basilica. Naturalmente potete anche prendere la metropolitana fino a Termini e cambiare lì per la linea A fino a San Giovanni. Un altro modo per arrivare a San Giovanni sarebbe prendere la metropolitana fino alla stazione Piramide e poi il tram numero 3. Il tram 3 fa un giro molto bello per il Circo Massimo e il Colosseo ma ci vuole molto tempo.

Mappa del pelegrinaggio delle sette chiese
Mappa del pelegrinaggio delle sette chiese

Mappa su Google Maps>

Verde=Pelegrinaggio a piedi, Giallo=Bus 118 Blu chiaro=Bus 218 Blu scuro=Bus 714

Ho segnato l’itinerario del pellegrinaggio delle sette chiese sulla mappa. Se uscite dalla Basilica di San Paolo, dovete prendere a destra e attraversare il parco e vedrete dall’altra parte della Via Ostiense una piccola strada in salita. Si chiama Via delle Sette Chiese. La maggior parte di questa strada è a traffico limitato. La strada conduce direttamente alle catacombe.

Sulla strada ci sono due ottime gelaterie, il Gelato Baciato dopo la prima rotonda a destra, il secondo, La Botega, dopo la chiesa di San Filippo Neri con un parco antistante.

Dopo aver attraversato la Via Cristoforo Colombo a dieci corsie, non siete lontani dalle catacombe di Domitilla. Sono chiuse il martedì. Poi vengono le catacombe di Callisto. Sono chiuse il mercoledì. Finalmente arrivano le catacombe di San Sebastiano, sono chiuse la domenica.

Ulteriori informazioni sulle catacombe

San Giovanni

Basilica di San Giovanni Abside
Basilica di San Giovanni Abside

Dalle catacombe prendete l’autobus 218. Il suo capolinea si trova proprio di fronte alla Basilica di San Giovanni. La fermata dell’autobus più vicina alle catacombe si trova in Via Ardeatina. Dalle catacombe di San Sebastiano e dalle Catacombe di Callisto, si può anche percorrere l’area delle catacombe fino alla fermata di Quo Vadis, ma il percorso è considerevolmente più lungo.

La basilica è chiamata San Giovanni in Laterano o Basilica Lateranense. È la sede più antica dei Papi a Roma. La prima basilica fu costruita nel 4° secolo ed è, a differenza di San Pietro e San Paolo, all’interno delle mura della città.

Come per tutte le Basiliche Papali a Roma, l’ingresso a San Giovanni è gratuito. Dovete passare il controllo di sicurezza all’ingresso, come a San Pietro, ma raramente ci sono tempi di attesa. Per la Basilica è disponibile un’audioguida, inclusa nella Omnia Card. Come in tutti i luoghi sacri di Roma, il codice di abbigliamento deve essere osservato, le spalle e le ginocchia devono essere coperte.

Il fatto che la basilica abbia subito cambiamenti nel corso dei secoli può essere visto anche sulle facciate. Così, la facciata dell’attuale ingresso principale risale al XVIII secolo, mentre la facciata nord sulla piazza con l’obelisco di fronte alla Via Merulana risale al Medioevo. A destra è il battistero ottagonale del 3° secolo, forse il più antico battistero della cristianità.

La scala santa
La scala santa

Di fronte alla basilica si trova la Scala Santa, sulla quale Gesù in Gerusalemme avrebbe dovuto essere condotto a Ponzio Pilato. La scala fu trasferita a Roma nel 4° secolo. La Scala Santa è qualcosa per i mattinieri. Apre alle 6 ed è aperta fino alle 18:30 con un’ora a pranzo. Si deve salire i 28 gradini in ginocchio pregando. A destra della scala sacra c’è una seconda scala, dove si può andare su e giù normalmente.

Santa Maria Maggiore

Veduta di Santa Maria Maggiore da Via Panisperna
Veduta di Santa Maria Maggiore da Via Panisperna

Di fronte al Battistero di San Giovanni si trova la fermata dell’autobus 714. In direzione Termini l’autobus ferma alla Basilica di Santa Maria Maggiore.

Anche lì, c’è il solito controllo di sicurezza, ma i tempi di attesa possono essere un po’ più lunghi.

La Basilica di Santa Maria Maggiore risale al IV secolo e si narra che la stessa Madonna apparve a Papa Liberio e raccomandò il luogo per la costruzione della chiesa. La basilica ha subito molti cambiamenti nel corso dei secoli.

Particolarmente impressionante è la vista della basilica da Via Panisperna, che inizia nel quartiere Monti sopra il Museo dei Mercati di Traiano. A proposito, ci sono anche alcuni ristoranti in questa strada dove si può mangiare abbastanza bene.

La Basilica di Santa Maria Maggiore ha ottimi collegamenti. Tutti gli open bus hop on hop off si fermano qui. La Via Cavour, che corre di fronte alla Basilica, sale in una direzione verso la vicina stazione Termini. Nella direzione opposta, Via Cavour attraversa il pittoresco rione Monti e conduce a Via dei Fori Imperiali.


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.