Porto di Civitavecchia · Crociere · Traghetti · Tutte le informazioni

Il porto di Civitavecchia è la destinazione delle navi da crociera per l’escursione a Roma. Qui trovate tutte le informazioni sul porto di Civitavecchia, come raggiungerlo e come organizzare al meglio la vostra escursione, se arrivate con la nave.

Porto di Civitavecchia · Posizione

Civitavecchia è un buon punto di partenza per le crociere nel Mediterraneo o per un viaggio in traghetto verso varie destinazioni nel Mediterraneo. La distanza dal porto di Civitavecchia al centro di Roma è 76 km. L’aeroporto di Roma Fiumicino si trova a 70 km, Roma Ciampino a 90 km. Collegato al più grande sistema aeroportuale italiano, Civitavecchia è facilmente e comodamente collegato al mondo.

Porto di Civitavecchia · Escursione a Roma

Per la vostra escursione a Roma avete mezza giornata. Le navi arrivano al mattino e partono la sera. Leggete qui, cosa si può fare e cosa dovrete osservare.

Se scegliete Civitavecchia come punto di partenza della vostra crociera nel Mediterraneo, sarebbe buono pianificare una visita a Roma. Roma non fu costruita in un giorno e c’è così tanto da vedere che uno potrebbe passare molti giorni e settimane a Roma. Se potete, pianificate qualche giorno per visitare Roma.

Il Pass giornaliero da Civitavecchia è un servizio da Ticketbar. La carta giornaliera include:
  • Treno di andata / ritorno Civitavecchia – Roma San Pietro
  • Hop on hop off open Bus
  • Biglietto per il Colosseo
  • Sconto del 20% su altri biglietti

Porto di Civitavecchia · Descrizione

Il porto di Civitavecchia è il più grande porto crocieristico del Mediterraneo con circa 2,6 milioni di passeggeri. Ci sono servizi regolari per la Sardegna, Palermo, Barcellona e la Tunisia. Una parte del porto viene utilizzata per il traffico merci.

Il porto di Civitavecchia offre un terminal per le navi da crociera, il “Molo Grimaldi”, e un terminal per i traghetti, “l’Autostrada del Mare”. L’area del porto è abbastanza spaziosa. Ci sono due linee di bus navetta gratuite. La linea normale passa ogni venti minuti, la linea per le navi da crociera funziona secondo le necessità. Il punto di partenza e di arrivo di entrambe le linee è il Largo della Pace al di fuori dell’area del porto. Al Largo della Pace c’è anche l’Infopoint e la fermata dell’autobus per la stazione ferroviaria e il servizio navetta per Roma e gli aeroporti.

Porto di Civitavecchia · Storia

Il porto fu costruito nel 106 su richiesta dell’imperatore Traiano. Fu anche il fondatore della città, allora chiamato Centumcellae. Lo scopo del porto era quello di garantire l’approvvigionamento alimentare di Roma attraverso un secondo porto sicuro. Il porto fu progettato dall’architetto Apollodoro di Damasco e consisteva in un bacino quasi circolare di circa 500 m con due moli, una diga e un’isola artificiale costruita nel mare e sormontata da quattro torri. Resti di una torre sono ancora visibili sul molo, che è chiamato “il bicchiere”. Di fronte si trova la torre “del Lazzaretto”, che fu costruita lì sul sito dell’antica torre. Le altre due torri non ci sono più. L’antico bacino portuale è rifornito di acqua dolce da un sistema di gallerie sotterranee che funziona ancora oggi.

Statua del samurai giapponese Hasekura Tsunenaga
Statua del samurai giapponese Hasekura Tsunenaga

Dopo la caduta dell’impero romano, il porto perse la sua importanza fino a quando passò sotto il controllo dei papi nel 15° secolo. Il Forte Michelangelo esistente ancora oggi fu completato nel 1537. Nel 1608 fu aggiunto un faro, che fu distrutto durante la seconda guerra mondiale. Altri edifici dei papi sono la Porta Livorno del 1679 e la Fontana Vanvitelli del 1743. Sopra Porta Livorno c’è la statua del samurai giapponese e ambasciatore Hasekura Tsunenaga, che al papa Leone V nel novembre 1615 ha presentato una lettera preziosa con la proposta di un accordo commerciale tra il Giappone e il Messico e l’invito a inviare missionari in Giappone. La sua missione dal Giappone al Messico in Europa e viceversa ha richiesto quasi sette anni dall’ottobre 1613 all’agosto 1620 con diverse stazioni intermedie.

Alla fine della prima guerra mondiale, il porto serviva per il servizio postale con battelli per la Sardegna. Dal 1961 al 2009, il porto servì per i servizi di traghetti con treno per la Sardegna. Negli ultimi anni, il porto è stato notevolmente ampliato e sono in corso ulteriori programmi di investimento.


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.